Interviste

Petrachi: “La Roma ha bisogno di due difensori centrali. Zaniolo non è sul mercato”

By  | 

Gianluca Petrachi, direttore sportivo della Roma, è intervenuto in conferenza stampa di presentazione di Spinazzola ed ha parlato anche del mercato. Queste le sue parole:

Sono i giorni decisivi per alcune trattative, faccio tre nomi: Mancini, Alderweireld e Veretout. A che punto sono queste trattative? Siamo in dirittura d’arrivo per Mancini?
Non parlerei del singolo giocatore. Parliamo del reparto, con le uscite di Marcano, avvenuta la settimana scorsa, e Manolas, la Roma ha bisogno di due difensori centrali. La nostra necessità oggi è quella di portare due difensori centrali all’allenatore. Stiamo lavorando su più fronti, abbiamo le idee chiare su quello su quello che vogliamo fare e spero nel più breve tempo possibile di poter iniziare a ufficializzare qualcosa. Però parlare del singolo giocatore credo non sia giusto, perché poi magari si può pensare che si prende in giocatore, quando in realtà l’obiettivo è un altro. Quindi anche per correttezza credo che non sia giusto.

Qual è il futuro di Nzonzi e Pastore? Saranno ancora della Roma?
L’allenatore è stato molto chiaro quando lo abbiamo preso, ci ha chiesto di avere la possibilità di guardare un po’ tutti e poi eventualmente tirare una linea dopo qualche giorno per capire chi poi sostanzialmente può far parte del progetto tecnico. Anche perché poi alla fine il giocatore lo puoi valutare bene solamente quando lo alleni. E quindi poi, non essendo stato nel nostro campionato italiano ed avendo fatto un campionato stranierio, certamente ha delle conoscenze, ma non totali. Per questi due giocatori, come per altri, verso la fine di questo ritiro a Trigoria, tireremo le somme su quelli che possono essere quei giocatori che possono essere nel progetto tecnico o andare sul mercato.

A che punto è l’opera di convincimento su Higuain? Passi avanti per Dzeko?
Non parlo singolarmente dei giocatori. Nella mia prima conferenza stampa era un modo per conoscersi e soprattutto per raccontarsi e per dire il mio modo di lavorare e come state vedendo e comprendendo io sono molto omertoso e silenzioso in ciò che faccio. Non amo dare vantaggi, lavoro in un modo molto singolare credo. Non voglio comunicare tanto, ma solamente con chi deve prendere decisioni sulle spese da fare, il mio amministratore delegato, ovvero Fienga. Non parlo e non voglio parlare. Se poi mi dite di reparti, vi dico che sicuramente prenderemo un centrocampista. Però oggi dirvi chi prendo o chi non prendo è un giochino che fate voi, anche per alimentare la vendita dei giornali e di tutto il sistema che c’è dietro e che io rispetto tantissimo. Però io in questo tipo di attività non sono di vostro aiuto in questo tipo di attività e non posso aiutarvi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi